Direzione generale per gli archivi

DGA News

Biblioteca digitale

Storico News

« Novembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Piacenza, 7 aprile - 7 luglio 2018 | I misteri della cattedrale

Si inaugura il 7 aprile 2018, a Piacenza, presso la Cattedrale di S. Maria Assunta e S. Giustina, la mostra I misteri della cattedrale. Meraviglie nel labirinto del sapere, che rimarrà aperta sino al 7 luglio 2018.

Dopo il successo di Guercino a Piacenza, che ha visto nel 2017 oltre 100.000 persone salire all’interno della cupola per ammirare gli affreschi del famoso pittore seicentesco, il Duomo di Piacenza ritorna ad essere il fulcro della vita culturale piacentina. L'iniziativa, quasi in contemporanea con l’ascesa organizzata dalla Banca di Piacenza nella basilica di S. Maria di Campagna, affrescata nel '500 dal Pordenone (4 marzo-10 giugno), è promossa dalla Diocesi di Piacenza-Bobbio in collaborazione con la Fondazione di Piacenza e Vigevano, il Comune di Piacenza e l’Archivio di Stato di Piacenza, col sostegno della Regione Emilia-Romagna, della Camera di Commercio di Piacenza e di Crèdit Agricole. Essa comprende un nuovo allestimento del Museo della Cattedrale, integrato in uno straordinario percorso permanente di salita, che conduce fino alla cupola, stavolta interamente percorribile. Non solo, è apprestata anche una mostra documentaria straordinaria che fino a luglio, attraverso suggestivi documenti, mette in luce l’importanza rivestita nel Medioevo da Piacenza quale vivace polo culturale e crocevia europeo.
Il percorso della mostra
La mostra è parzialmente allestita negli spazi segreti della cattedrale, una sorta di labirinto medievale entro il quale, allo sforzo concettuale del comprendere, si aggiunge quello fisico di esplorare luoghi mirabili da secoli dimenticati, ora abitati da codici e documenti.
Nell'anticamera delle sacrestie superiori, un’intervista a Valerio Massimo Manfredi, testimone d’eccezione dell'evento, introduce alle cinque sezioni della mostra. La prima tappa è nella sala dell'Archivio Storico Capitolare del Duomo, che sormonta la cappella del battistero e che ospita la sezione musicale della mostra in cui è possibile ascoltare sequenze dal Codice 65 o Libro del Maestro.
La visita alle restanti sezioni continua nelle sacrestie superiori; qui si potranno ammirare antichi manoscritti provenienti da alcuni dei principali archivi e biblioteche, locali e nazionali. Le cinque sezioni documentano, con testimoni notevoli, la storia civile e religiosa del territorio piacentino nel Medioevo: economia e società, cultura scolastica, liturgia, cultura del clero e fede, vita nella diocesi. Per la prima volta è riunito l’antico archivum, o ciò che ne resta, del Comune di Piacenza, distribuito fra l’Archivio Capitolare della basilica di S. Antonino, sede del libero comune del XII secolo, e l’Archivio di Stato di Piacenza. Così si espongono il Registrum Magnum del Comune (secc. XII-XIV), il Liber Dominici (secc. XIV-XVII), la concordia con il Barbarossa del 1162 e le testimonianze contro il podestà imperiale Arnaldo Barbavara. A illustrare la temperie culturale e religiosa nei secoli prima e dopo il Mille sono visibili anche: il Salterio di Angilberga (827 d.C.) della Biblioteca Comunale Passerini Landi e il Testamento dell’imperatrice (copia del sec. XII) proveniente dall’Archivio di Stato di Parma, il Breve memorationis dell’abate Wala di S. Colombano (Archivio di Stato di Torino), i Sermones de tempore et de sanctis del preposito di S. Eufemia Folco Scotti dalla Biblioteca Nazionale Braidense, la Chronica del sec. XIV di Martino Polono (Veneranda Biblioteca Ambrosiana), il frammento poetico in volgare O bella o bella Madonna di S. Antonino (secc. XII-XIII) e vari codici liturgici dell’Archivio della Cattedrale. Questi ed altri documenti, provenienti anche dagli Archivi Diocesani di Piacenza e di Bobbio, fanno parte di un ricco catalogo, commentato da valenti studiosi del Medioevo piacentino, edito da Skira spa. In un piccolo vano, prima di salire per la visita del Libro del Maestro, è riprodotto uno scriptorium dotato di tutti gli strumenti che i monaci utilizzavano per la produzione dei codici e un video racconta le principali fasi di lavorazione, dalla preparazione della pergamena alla rilegatura finale.

La locandina

Per informazioni, consultare: cattedralepiacenza.it
Per gruppi, agenzie viaggi, tour operator e aziende: 331.4606435, 0523.308329
cattedralepiacenza@gmail.com
 

Archivio di Stato di Piacenza
[t] 
0523338521
[@] as-pc@beniculturali.itas-pc.biblioteca@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatopiacenza.beniculturali.it 

Direzione Generale Archivi
Via di San Michele 22- 00153 Roma IT
Copyright © 2012
Disclaimer
+39 06 672361 
+39 06 4882358
posta elettronica